Anche questa canzone si rifa' al tema della donna che sposa un vecchio. La differenza tra le due che in questa l'ironia e il disprezzo della giovane donna nei confronti del vecchio marito, molto piu' viva ed accentuata.

Mamma mi maritai scuntent'a mia

Mamma mi maritai scuntent'a mia: Mamma mi marito' me scontenta:
nu vecchie re sissant'anni mi vosi dari. un vecchio di sessantanni mi volle dare.

Canni imm'a la chiesia a spusare, Quando andammo nella chiesa a sposare,
lu vecchie arrete arrete rumaniire. il vecchio dietro dietro rimaneva.

Canni imm'a la tavula a mangiare, Quando andammo a tavola a mangiare,
mo' l'osse nnante nnante u vecchie li minavane. le ossa avanti avanti al vecchio buttavano.

Canni imm'a lu lette a ripusare, Quando andammo a letto a dormire,
lu vecchie ntorne ntorne la girava. il vecchio intorno intorno girava.

Canni fuine i dodici ra notte: Quando furono le dodici di notte:
"scusate vecchi mei ca giorne e' fatte". "scusate, vecchio mio, che giorno e' fatto".

"Che bboi bella mia ca te facce, "Che vuoi, bella mia, che pi faccia,
ca ddii miha livata lu putere. che' Dio mi ha levato il potere.

Si voi la gunnella ti l'accatte, Se vuoi la gonnella te la compro,
ri che culure la vulete vui?" di che colore la volete?"

"Non bogghie ne gunnelle e ne guarnacce, "Non voglio ne' gonnella ne' collana,
ca vogghie nu giuvinelle ca m'abbraccie." voglio un giovinello chi mi abbraccia".
 

previous Index next

webmaster: Alfonso Galotto agalotto@siris.it
© copyright: Canti e ballate della cultura orale rotondellese