Altro canto di ingiuria, questa volta tra due donne, quello che segue.

Canto di ingiurie

Canto di ingiurie
E che t'eggi fatti ca non mi voi vira, Che ti ho fatto ch non mi vuoi vedere,
chi manche mi vo sente parla'. e nemmeno sentire parlare.

E la lingua meia petre ri fucila: La mia lingua pietra di fucile:
vo stemperate che iacque ri mara, vuol essere stemprata con acqua di mare,
iacque ri mare e iacque ri marina, acqua di mare e acqua di marina,
iacque re trentamilia funtana. acqua di trentamila fontane.

Na piccola funtana quant'acqua mina, Una piccola fontana quant'acqua porta,
chi tu figghia ri puttana cant'aria tena. e tu, figlia di puttana, quant'aria hai.

Ah, tu figghia ri puttana malamenta, Ah, tu figlia di puttana schifosa,
chi vai ricenne che non tengo amanta. vai dicendo che non ho amanti.

E chi ti l'ha ditta ca non tengo amanta? E chi te l'ha detto che non ho amanti?
Je ne tenga trentanove e tu quaranta. Io ne ho trentanove e tu quaranta.

Ah brutta puttana, non parla' re tutta. Ah, brutta puttana, non parlare di niente.
Ah, brutta fetenti, non parla' re corna: Ah, brutta fetente, non parlare di corna:
ca n'hai una zinna e nate granna. ch ne hai uno piccolo ed un altro grande.

E uni ha fatta u nire la cicogna, Ed in uno ha fatto il nido la cicogna,
e nate ci appennene i campani granna. e nell'altro ci appendono le campane grandi.
 

previous Index next

webmaster: Alfonso Galotto agalotto@siris.it
© copyright: Canti e ballate della cultura orale rotondellese