Sante Savine

La formula seguente serve invece contro la mancanza di latte al seno di una madre, che deve allattare: anche il male "u pile a minne", che causa la mancanza di latte collegato all'invidia di qualche altra madre nel vedere turgido quel seno.
. In rapporto con l'estrema importanza del latte materno in un ambiente in cui tale mancanza significa per l'infante deperimento, malattia e morte, i seni turgidi sono naturale oggetto di invidia da parte di altre mamme, e questo sguardo invidioso ruba il latte e secca le mammelle. (De Martino).

Sante Savine pe lu munne iisti, Santa Savina per il mondo andasti,
i tii mammarelle 'n terra purtaste. le tue mammelle in terra portasti.
Fredde e freve t'edda passare, Freddo e febbre ti debbono passare,
accussi' u bambine putisse allattare. cosi' che possa allattare il bambino.

(seguono l'Ave, il Pater e il Gloria; il tutto si ripete tre volte).

Sutt'a l'albere

Anche la distorsione ha una sua cura magica

Sutt'a l'albere re mamma Marie
c'e' na cerva che dormiva.
Alzati cerva e va ra Marie.

(seguono il Pater, l'Ave, il Gloria; si ripete tre volte)

Carne sane

Quest'altra formula solo per i bambini piccoli, che si presume abbiano dormito in una posizione sbagliata e quindi risentano qualche dolore nelle carni: come il nostro torcicollo.

Carne sane e carne rutte, Carne sana e carne rotta,
sia sane sia rutte, sia sana sia rotta,
s'edda cugnunge a carne re n.n. si deve unire la carne di n.n.
come se cugnunge d'acque 'ndu mare. come si unisce l'acqua nel mare.

(seguono il Pater, l'Ave e il Gloria; si ripete tre volte).
 
 

previous Index next

webmaster: Alfonso Galotto agalotto@siris.it
© copyright: Canti e ballate della cultura orale rotondellese