Serenata

Venga a cantare e vui sise culcata, Vengo a cantare e voi siete coricata,
la porta aperta e non pozzi trasi': la porta aperta e non posso entrare.

ie trovi lu patruna ri la casa. Io trovo il padrone della casa.
"Chi bai facenna cu mazzi re rosa?" "Che vai facendo col mazzo di rose?"

Je eggi venuti pe guanni' sta casa, Io son venuto per abbellire questa casa,
ca vogghie a figghia tui pi cara sposa. ch voglio a tua figlia per cara sposa.

"A figghia mei non la poi avera, " Mia figlia non la puoi avere,
ch' troppa zinna e no la sai tinera". che troppo piccola e non la sai tenere."
 

previous Index next

webmaster: Alfonso Galotto agalotto@siris.it
© copyright: Canti e ballate della cultura orale rotondellese